Navigazione Cerca
Chiudi

Selezionare il proprio paese e ruolo per visualizzare la strategia e il contenuto del fondo

Italia
  • Global homepage
  • Australia
  • Belgique
  • Botswana
  • Denmark
  • Deutschland
  • España
  • Finland (Suomi)
  • France
  • Hong Kong (香港)
  • Ireland
  • Italia
  • Luxembourg
  • Namibia
  • Nederland
  • Norway
  • Österreich
  • Portugal
  • Singapore
  • South Africa
  • Sweden (Sverige)
  • Switzerland
  • United Kingdom
  • United States
  • International
Investitore professionale
  • Investitore professionale
  • Investitore privato

Dedicato ai professionisti dell’investimento, questo sito fornisce informazioni sui nostri prodotti, strategie e servizi. Si ricorda che il capitale è esposto a rischi e che i risultati precedenti non costituiscono un’indicazione di quelli futuri. Utilizziamo i cookies per accertarci di fornirvi la migliore esperienza possibile sul nostro sito web. I cookies comprendono anche i cookies di parti terze. I cookies di parti terze potrebbero monitorare l’uso che fate del nostro sito web. Continuando, confermate di voler ricevere tutti i cookies associati al nostro sito web. Per maggiori informazioni, comprese le istruzioni per disabilitare la ricezione dei cookies, si rimanda alla nostra Politica sui cookies.

Accedendo al sito, accetti i nostri Termini e Condizioni
2020 Investment views

Il 2020 sarà l’anno del dragone?

11 Novembre 2019
Autori: Greg KuhnertCo-Head of 4Factor

Principali informazioni

  • Anche se i dati economici dalla Cina sono stati deludenti, emergono segnali di una possibile ripresa dell’economia.
  • Nonostante questo, l’azionario cinese ha registrato finora una buona performance nel corso dell’anno e gli utili delle aziende hanno superato le aspettative per due trimestri consecutivi.
  • Emergono opportunità nei settori favoriti dalla qualificazione del consumatore cinese come “premium”.
  • Permangono i rischi legati alla guerra commerciale sino-statunitense e all’avanzamento delle riforme interne e sarà cruciale focalizzarsi sui fondamentali aziendali e sulla selezione dei titoli vincenti che potranno eccellere avviando cambiamenti o ristrutturazioni.

 

Q&A with Greg Kuhnert on

China Equity

Le azioni cinesi si sono dimostrate resilienti quest’anno, nonostante una serie di ostacoli. Greg Kuhnert ci fornisce le sue prospettive per il 2020. 

Q Cosa ha in serbo il 2020 per l’azionario cinese?

Data la persistenza dei venti contrari, le turbolenze geopolitiche e macroeconomiche che hanno pesato sull’asset class nel 2019 potrebbero proseguire anche nel 2020. Questa situazione ha innescato una certa volatilità a breve termine nell’azionario cinese; tuttavia fino a questo momento dell’anno l’Indice MSCI China e l’Indice MSCI China A Onshore hanno messo a segno un +7,6% e un +24,6%, rispettivamente.1

Questi risultati sono stati raggiunti nonostante i dati economici deludenti, ad esempio per quanto riguarda le esportazioni e la produzione industriale. Guardando al 2020 possiamo comunque già intravedere alcuni segnali di ripresa dell’economia. Ad esempio, i dati sulla produzione hanno evidenziato un miglioramento incrementale a settembre. Gli investitori sono inoltre rassicurati dalla politica espansiva perseguita dalle banche centrali su scala globale. In Cina stiamo assistendo a un allentamento “selettivo”, sia sul piano monetario sia su quello fiscale, attuato in maniera molto controllata.

Q Cosa suggeriscono i fondamentali per l’azionario cinese?

I due paesi coinvolti nella guerra commerciale hanno qualcosa in comune. Considerando gli utili del primo semestre e il run rate a livello globale2, Stati Uniti e Cina si sono entrambi distinti in positivo. Anche se può sembrare controintuitivo, questo dato dimostra che la Cina non dipende significativamente dalle esportazioni, né sotto il profilo della crescita economica interna né a livello di utili aziendali.

Le società hanno pubblicato utili migliori del previsto per due trimestri consecutivi. Il ritmo dei declassamenti è rallentato. Inoltre, le valutazioni sono piuttosto convenienti e i titoli scambiano al di sotto della media di lungo periodo. Il mercato scambia su livelli pari a circa 12,9 volte sulla base del rapporto P/E relativo agli utili di quest’anno e a 11 volte a quelli dell’anno prossimo.

Q Dove individuate opportunità nell’ambito dell’azionario cinese?

Nell’accesso alle tendenze strutturali di lungo periodo, come lo spostamento verso una condizione “premium” del consumatore cinese attualmente in atto. La nuova classe media si sta espandendo e i redditi stanno crescendo a un ritmo del 5-6% annuo. Il consumatore sta passando a prodotti e marchi di qualità più elevata, optando in misura crescente per i marchi cinesi. Questo consente alle società attive nei settori dei beni di consumo di base e dei beni voluttuari di ottenere margini più elevati su tali prodotti o marchi.

Beneficiano di questa tendenza anche i produttori di elettrodomestici, un settore in cui deteniamo partecipazioni in alcune società attive nella vendita di questi prodotti sul mercato cinese. Riteniamo altresì interessanti i pionieri del digitale, che operano nei media e nell’intrattenimento ma la cui sfera di influenza si estende anche ad altri settori.

Ravvisiamo inoltre un potenziale di rialzo legato al processo di consolidamento all’interno del settore. Dato il rallentamento della crescita, il numero di concorrenti attivi nei diversi settori è aumentato. Oggi le società più grandi e di maggior successo che dispongono di marchi qualitativamente più elevati e team di gestione migliori stanno incrementando la propria quota di mercato, mentre le società più piccole con prodotti e team di gestione più scarsi stanno abbandonando il settore. Si tratta dunque di un contesto favorevole per i gestori focalizzati sulla selezione dei titoli.

Q Quali sono i rischi per chi investe nell’azionario cinese?

Un rischio chiave, per il 2020 e oltre, è rappresentato dal riallineamento dei rapporti fra Cina e Stati Uniti e dagli sviluppi sul fronte delle tensioni commerciali. A nostro avviso, ad oggi l’impatto diretto sulle società in cui investiamo è limitato, ma se gli Stati Uniti dovessero ad esempio continuare a inserire in blacklist altre società tecnologiche cinesi, le implicazioni potrebbero farsi sentire. Tutto questo va considerato alla luce dei provvedimenti intrapresi dalla Cina per sviluppare le proprie competenze tecnologiche, dimostrati dal lancio dello STAR, il listino tecnologico in stile Nasdaq istituito per incoraggiare un numero maggiore di società cinesi a rientrare in patria con una quotazione onshore.

Se la Cina si separerà del tutto dagli USA, le aspettative di crescita dell’economia globale e il sentiment di risposta degli investitori avranno delle ripercussioni sul paese. Dunque le conseguenze di una recessione globale, che sopraggiunga nel 2020 o in seguito, si ripercuoteranno sulle asset class percepite come maggiormente rischiose, come l’azionario cinese.

Infine, esistono dei rischi potenziali legati al progresso delle riforme interne, tra cui la riforma delle imprese statali (SOE) e il clean-up del settore bancario. Un eventuale calo dell’entusiasmo su questo fronte comporterà rischi e implicazioni di più lungo periodo per l’economia. Ad ogni modo, riteniamo che il Presidente Xi continuerà a percorrere la strada del progresso.

L’azionario cinese è una di quelle asset class destinate a rimanere oggetto di controversia, sul piano delle guerre commerciali o delle riforme interne. Per 4Factor, è fondamentale focalizzarsi sull’investimento bottom-up, valutando i fondamentali aziendali e selezionando i titoli vincenti che potranno eccellere mettendo in atto cambiamenti o ristrutturazioni.

 

Mercati emergenti: Questi mercati comportano un rischio di perdite finanziarie più elevato rispetto ai mercati più sviluppati, in quanto hanno sistemi giuridici, politici, economici, o di altro tipo meno evoluti.

Gli investimenti comportano il rischio di perdita di capitale.

1 Al 30 settembre 2019.
2 Il run rate è un indicatore della performance finanziaria di una società che utilizza i dati finanziari attuali come indicatori previsionali dell’andamento futuro.

Greg Kuhnert
Greg Kuhnert Co-Head of 4Factor

Informazioni importanti

Questo contenuto è a solo scopo informativo e non deve essere interpretato come un'offerta, o sollecitazione di un'offerta, per acquistare o vendere titoli. Tutte le opinioni espresse in merito ai mercati, ai titoli o alle società riflettono le opinioni personali del singolo gestore del fondo (o del team) nominato. Tutte le opinioni ivi riportate sono da ritenersi oneste, ma non costituiscono alcuna garanzia. Investec Asset Management, nel normale svolgimento della sua attività di gestore internazionale degli investimenti, può già detenere o intende acquistare o vendere le azioni menzionate per conto dei suoi clienti. Le informazioni o i pareri forniti non devono essere considerati come consigli specifici in merito a qualsiasi decisione di investimento. Questo contenuto può contenere dichiarazioni su eventi futuri attesi o previsti e risultati finanziari che sono di natura previsionale e, di conseguenza, sono soggetti a determinati rischi e incertezze, quali le condizioni economiche, di mercato e commerciali generali, nuove leggi e atti normativi, fattori e condizioni economiche generali e concorrenziali e il verificarsi di eventi imprevisti. I risultati effettivi possono differire materialmente da quelli dichiarati nel presente documento.
Tutti i diritti riservati. Pubblicato da Investec Asset Management, novembre 2019.

The content of this page is intended for investment professionals only and should not be relied upon by anyone else

Confermare di rientrare in questa categoria

Accedendo al sito, accetti i nostri Termini e Condizioni