Navigazione Cerca
Chiudi

Selezionare il proprio paese e ruolo per visualizzare la strategia e il contenuto del fondo

Italia
  • Global homepage
  • Australia
  • Belgique
  • Botswana
  • Denmark
  • Deutschland
  • España
  • Finland (Suomi)
  • France
  • Hong Kong (香港)
  • Ireland
  • Italia
  • Luxembourg
  • Namibia
  • Nederland
  • Norway
  • Österreich
  • Portugal
  • Singapore
  • South Africa
  • Sweden (Sverige)
  • Switzerland
  • United Kingdom
  • United States
  • International
Investitore professionale
  • Investitore professionale
  • Investitore privato

Dedicato ai professionisti dell’investimento, questo sito fornisce informazioni sui nostri prodotti, strategie e servizi. Si ricorda che il capitale è esposto a rischi e che i risultati precedenti non costituiscono un’indicazione di quelli futuri. Utilizziamo i cookies per accertarci di fornirvi la migliore esperienza possibile sul nostro sito web. I cookies comprendono anche i cookies di parti terze. I cookies di parti terze potrebbero monitorare l’uso che fate del nostro sito web. Continuando, confermate di voler ricevere tutti i cookies associati al nostro sito web. Per maggiori informazioni, comprese le istruzioni per disabilitare la ricezione dei cookies, si rimanda alla nostra Politica sui cookies.

Accedendo al sito, accetti i nostri Termini e Condizioni
2020 Investment views

I fattori trainanti per i titoli azionari europei nel 2020

2 December 2019
Autori: Ken HsiaPortfolio Manager

Principali informazioni

  • Ci aspettiamo un 2020 più equilibrato per i titoli azionari europei.
  • La crescita degli utili dovrebbe favorire l’asset class
  • Dal momento che i settori ciclici scontano già una riduzione significativa, eventuali segnali di miglioramento dovrebbero spingere le quotazioni al rialzo
  • Nel 2019 determinati titoli e settori hanno subito ondate di vendite non giustificate che hanno però creato opportunità interessanti per il 2020 per i gestori che adottano un approccio attivo alla selezione dei titoli.
  • Continueremo a cercare opportunità di investimento basate su dati concreti e in grado di offrire buoni rendimenti nel lungo periodo.

 

Q&A with Ken Hsia on

European equity

Nel 2019 lo scenario di riferimento per i titoli azionari europei ha fatto registrare un miglioramento. Quali saranno i fattori trainanti per l’andamento dell’asset class nel 2020? Scopri l’opinione di Ken Hsia del team 4Factor sulle potenziali opportunità per l’asset class.

Q Cosa ne pensate del 2019 e in che modo il giudizio sull’anno in corso influenza le previsioni per il 2020?

Finora il 2019 è stato un buon anno per i titoli azionari europei, anche se la performance è stata sostenuta più dall’espansione del rapporto prezzo-utili (P/E) che dall’effettiva crescita degli utili societari.

Ad oggi, gli utili societari sono cresciuti, in media, solo dell’1% nel 2019, molto meno dei guadagni registrati dai mercati azionari nel corso dell’anno. Alla luce delle attuali valutazioni di mercato, riteniamo improbabile che i rendimenti del mercato azionario continuino a salire per un periodo prolungato in assenza di una più decisa crescita degli utili. Nel 2020, pertanto, ci aspettiamo un andamento più equilibrato per titoli azionari europei.

La performance, tuttavia, sarà influenzata da fattori diversi per i singoli settori, con esiti per gli investimenti molto diversi tra loro. Una simile situazione dovrebbe generare grandi opportunità per gli investitori attivi, pertanto un approccio solido e selettivo potrebbe fare la differenza.

Q Com’è cambiato il contesto di riferimento?

Nel 2020 l’impatto economico della Brexit e delle tensioni commerciali tra USA e Cina dovrebbe essere definito o quantomeno più chiaro. La maggiore chiarezza dovrebbe poi consentire agli eventuali segnali positivi in termini di utili societari di spingere al rialzo i rendimenti dei mercati azionari, soprattutto nei settori ciclici. Tornando al tema dei rapporti commerciali tra Stati Uniti e Cina, è opportuno ricordare che le esportazioni giocano un ruolo fondamentale nelle economie europee, rendendo le società cicliche in Europa particolarmente sensibili alle tensioni commerciali. Le valutazioni di queste società, di fatto, al momento scontano le tensioni provocate dalla guerra dei dazi. Qualora il miglioramento delle dinamiche commerciali dovesse portare a un innalzamento delle aspettative sugli utili, le quotazioni azionarie dovrebbero di conseguenza essere spinte al rialzo.

Detto questo, nel caso in cui nel 2020 non si profilasse un rafforzamento della crescita degli utili, le recenti pubblicazioni sui dati economici sembrano comunque suggerire che le valutazioni scontano già un outlook economico più debole. Gli indicatori dell’Indice dei direttori d’acquisto (PMI), per esempio, sono all’estremità bassa del range storico, condizione che coincide spesso con una ripresa delle aspettative da livelli molto bassi. A inizio 2018 gli indicatori PMI avevano raggiunto un picco appena prima di un peggioramento delle aspettative economiche durato poi due anni.

Riteniamo pertanto che un’eventuale recessione sarebbe comunque blanda. Oltretutto, laddove i dati sulla crescita finissero per sorprendere in negativo, una simile situazione spingerebbe le aziende a cogliere l’opportunità per riequilibrare i costi, con effetti positivi per una crescita sostenibile degli utili.

Q Dove pensa di trovare opportunità e come intende posizionare il portafoglio?

Determinati titoli e settori hanno subito, per motivi diversi, ondate di vendite non giustificate che dovrebbero però creare opportunità interessanti. Noi puntiamo a sfruttarle attraverso il nostro processo d’investimento 4Factor.

Riteniamo che vi sia una parte di domanda di attività economica in questo momento repressa che dovrebbe riemergere man mano che le questioni geopolitiche in Europa andranno risolvendosi. Il nostro attuale posizionamento tiene conto di questa situazione, per esempio nel caso dei titoli del settore finanziario e di quello dei semiconduttori, ma continuiamo ovviamente a tenere gli occhi aperti per poter individuare nuove opportunità. Ultimamente abbiamo notato un certo potenziale in alcuni titoli dei settori automotive e dei materiali per l’edilizia.

Il nostro obiettivo è quello di mantenere un portafoglio bilanciato. La nostra analisi indica che le valutazioni dei titoli di qualità sono ai livelli massimi degli ultimi 20 anni, pertanto riteniamo sia fondamentale continuare ad acquistare titoli con valutazioni chiare e fondamentali solidi.

Seguendo questo approccio disciplinato continueremo a ricercare opportunità di investimento basate su dati concreti e in grado a nostro avviso di offrire buoni rendimenti nel lungo periodo.

 

Gli investimenti comportano il rischio di perdita di capitale.

Ken Hsia
Ken Hsia Portfolio Manager

Informazioni importanti

Questo contenuto è a solo scopo informativo e non deve essere interpretato come un'offerta, o sollecitazione di un'offerta, per acquistare o vendere titoli. Tutte le opinioni espresse in merito ai mercati, ai titoli o alle società riflettono le opinioni personali del singolo gestore del fondo (o del team) nominato. Tutte le opinioni ivi riportate sono da ritenersi oneste, ma non costituiscono alcuna garanzia. Investec Asset Management, nel normale svolgimento della sua attività di gestore internazionale degli investimenti, può già detenere o intende acquistare o vendere le azioni menzionate per conto dei suoi clienti. Le informazioni o i pareri forniti non devono essere considerati come consigli specifici in merito a qualsiasi decisione di investimento. Questo contenuto può contenere dichiarazioni su eventi futuri attesi o previsti e risultati finanziari che sono di natura previsionale e, di conseguenza, sono soggetti a determinati rischi e incertezze, quali le condizioni economiche, di mercato e commerciali generali, nuove leggi e atti normativi, fattori e condizioni economiche generali e concorrenziali e il verificarsi di eventi imprevisti. I risultati effettivi possono differire materialmente da quelli dichiarati nel presente documento.
Tutti i diritti riservati. Pubblicato da Investec Asset Management, novembre 2019.

The content of this page is intended for investment professionals only and should not be relied upon by anyone else

Confermare di rientrare in questa categoria

Accedendo al sito, accetti i nostri Termini e Condizioni